lunedì , 16 settembre 2019
Home / Incesti / Cugini e Cugine / Finalmente sono venuto nel culetto di mia cugina

Finalmente sono venuto nel culetto di mia cugina

Salve ragazzi! Avete mai avuto una cuginetta talmente bona da volerle sborrare nel culo? Bene, vi lascio allora con un:

Racconto erotico incesto tra cugini!

Era una domenica mattina e Monica si era svegliata più tardi del solito. La scuola in quel periodo si stava rivelando molto impegnativa, e la stanchezza accumulata con lo studio si faceva sentire.

 

Le cifre digitali della sveglia accanto al letto segnavano le 11:47. Monica si alzò. Aveva un corpo strabiliante per la sua età. Le sue tette erano generose e sode, il suo culo rotondo e compatto. Era una ragazza in perfetta forma, che si prendeva cura del proprio corpo e che trovava sempre un momento per andare in palestra o farsi una corsetta. Il progetto per quella domenica, però, era solo staccarsi dal ritmo frenetico della settimana e poltrire il più possibile.

 

Senza neanche cambiarsi, Monica si diresse verso la cucina. Indossava pantaloncini di pigiama e una canotta. In cucina si preparò dei cereali e, con la scodella in mano, andò in salotto, si sedette sul divano e accese il televisore. Intanto, Luca si trovava nei sedili posteriori di un’automobile e pensava a sua cugina Monica.

 

Era un anno che non la incontrava e fra qualche minuto l’avrebbe finalmente rivista. Era piuttosto imbarazzante, soprattutto considerate le migliaia di seghe che si era sparato fantasticando su di lei. Comunque sia era felice di rivederla e di vivere qualche bel momento con lei. Alzò il polso e vide che le lancette del suo orologio segnavano le 12:15. La macchina sterzò, entrò in un quartiere abitato e parcheggiò davanti ad un appartamento a due piani. Erano arrivati.

 

Il campanello suonò e la mamma di Monica attraversò il salotto per andare ad aprire la porta. Monica impallidì: si era completamente scordata che quella domenica sarebbero arrivati gli zii. Dopo i convenevoli tutti si spostarono in terrazza per un aperitivo. Monica non aveva nessuna voglia di passare la domenica a parlare in famiglia e, appena finito di bere, sgattaiolò subito verso il divano e riprese a rilassarsi guardando la televisione. Due minuti dopo Luca la raggiunse.

 

“Finalmente ci rivediamo.” disse lui.
“Già.” rispose lei. Non aveva voglia di attaccare bottone.

 

Luca, facendo attenzione a non farsi beccare, cominciò a guardare il corpo di sua cugina. Cazzo se era meraviglioso. Non aveva mai visto delle poppe così sode e allo stesso tempo così generose. Avrebbe voluto infilare il pisello dritto nella sua scollatura e inondare quelle belle mammelle di sborra.

 

Di colpo, il pisello gli s’indurì come un palo nei pantaloni. Diavoli, doveva stare attento. Senza pensarci due volte, allora, si alzò dal divano, scappò verso il bagno più vicino e cominciò a menarsi il cazzo pensando a sua cugina. Pensò alle sue belle mammelle, alle sue manine curate, al suo culo perfetto… Il suo pisello si stava indurendo come un sasso! Stava per venire!

 

Improvvisamente, Monica entrò nel bagno e vide suo cugino mentre stava avendo un orgasmo con il pisello in mano. Quando vide sua cugina entrare, Luca mollò la presa del suo cazzo, ma il pisello continuava a sparare sborra dappertutto. Monica era terribilmente imbarazzata ma allo stesso tempo arrapata: sentiva il clitoride gonfiarsi sotto i pantaloncini! Per quanto fosse strana la situazione, infatti, Monica si stava eccitando moltissimo guardando il pisellone del cugino che, come un tubo da giardino lasciato a se stesso, si dimenava a destra e a sinistra spruzzando sborra ovunque, qualche schizzò coprì anche i suoi piedini.

 

Nonostante l’imbarazzo, però, la ragazza non uscì dal bagno, tutt’altro: rimase dentro con lui, chiuse a chiave la porta e osservò l’orgasmo fino a che il ragazzo non espulse l’ultima goccia di sborra. Ci fu poi un silenzio imbarazzante che fu rotto dalla voce angelica di Monica:

 

“Mi piace vederti sborrare.” disse.

 

Il volto di Luca era diventato di un rosso vivo, non sapeva cosa dire. La ragazza allora raccolse il suo coraggio e con il dito raccolse un po’ dello sperma che aveva sul collo del piede e lo assaggiò… Senza alcun preavviso, si abbassò pantaloncini e mutandine, rivelando la sua bella figa nuda.

 

Nonostante avesse appena sparato fuori un litro di sborra, il pisello di Luca ricominciò subito a indurirsi. Luca stava fissando ipnotizzato la figa della ragazza. Lei allora si tolse piano piano anche la canotta rivelando le sue tette nude. Ora che Monica era completamente nuda, si poteva notare il clitoride gonfio e i capezzoli eretti come chiodi. A questo punto il ragazzo, che stava fissando le poppe ballonzolanti di sua cugina, aveva il pisello di nuovo duro come un sasso. La ragazza si avvicinò a Luca, s’inginocchiò davanti a lui e si mise in bocca tutto il suo pisello duro. Cominciò poi a succhiarlo come un ghiacciolo. Succhiava, leccava e ingoiava godendo come una matta. Adorava succhiare cazzi come una vera troia.

 

D’un tratto, però, si sentì pronta a fare qualcosa di birichino, qualcosa che aveva sempre sognato fare. Si tirò allora fuori il cazzo di bocca e si girò mostrando a Luca il suo formoso culetto. Poi si abbassò, prese in mano il cazzone del ragazzo e se lo infilò piano piano nel buco del culo. Il suo sedere era caldo e invitante, e Luca stava godendo come un forsennato.

 

Monica cominciò allora a muoversi in avanti e indietro con il pisello di suo cugino nel culo. Erano entrambi un po’ imbarazzati dalla situazione, ma entrambi erano arrapati come animali. Ora che Luca aveva il pisello dentro il culetto di sua cugina, sentiva arrivare un orgasmo colossale… Quel bel culetto era così fottutamente stretto e caldo… stava per sborrare!

 

Di colpo, una scossa di puro piacere percosse, a partire dall’ano, tutto il corpo di Monica. Lei lanciò un grido e il suo buco del culo cominciò ad aprirsi e chiudersi ritmicamente attorno al pisello di Luca: stava avendo un intenso orgasmo anale! Luca, nello stesso momento, si lasciò andare e cominciò a sparare sborra nel culo della cugina. Stavano arrivando insieme, con orgasmi intensi e piacevoli.

 

Dopo quella giornata, Luca ebbe molti rapporti con molte altre ragazze, ma non vide quasi più sua cugina. Tuttavia, nessuna di queste esperienze superò mai il piacere viscerale che provò nello sborrare nel culetto di sua cugina. Era il primo ricordo che lo faceva arrivare mentre si masturbava e la prima fantasia che riportava alla mente mentre scopava. Era la crème de la crème, un’immagine che tenne per sempre con sé.

Vi è piaciuto questo racconto erotico incesto cugina scopata? Votatelo!

Ti è piaciuto questo racconto erotico?

Trasgressione - 9.2
Eccitazione - 9.8
Fantasia - 7.6
Erotismo - 8.9

8.9

Aiutaci a migliorare i nostri servizi lasciando un voto che esprime il tuo indice di gradimento! Così potremo concentrarci nello scrivere storie con temi che piacciano davvero ai nostri utenti, perché per noi siete importanti!

User Rating: 4.05 ( 12 votes)

Check Also

Una mammina dolce come il miele

Per la nostra serie “Racconti Porno Incesti”, vi presentiamo un racconto erotico molto molto spinto, …

avatar